Archivio news 25/05/2018

1^ GIORNATA GIRONE C - ETHIOPIA - RAPP. ROM

Highlights e cronaca della partita

Al centro sportivo Cotral, va in scena la prima giornata del torneo “Mundialido”, con la Rappresentativa Rom, in tenuta bordeaux, che affronta l’Ethiopia (giallo-rossa).

Primo tempo - Inizio di gara a ritmi modesti, entrambe le squadre sono ben messe e in campo e si danno battaglia su ogni pallone a centrocampo, sfruttando la fisicitá a disposizione. In attacco però, sono gli ospiti a rendersi maggiormente pericolosi, con Valeriani e Cabini che svariano su tutto il fronte offensivo, senza lasciare punti di riferimento agli avversari. È proprio da questo asse che nasce il calcio di rigore. Valeriani attacca la pronfonditá sulla fascia destra, pescando al centro capitan Cabini, bravo con una finta a farsi atterrare. Sul dischetto va proprio quest’ultimo, che spiazza il portiere Gaballa, con il piattone destro. Termina così il primo tempo sullo 0-1. 

Secondo tempo - L’esperta linea difensiva di Ethiopia continua ad usufruire, con grande successo, della trappola del fuorigioco, rendendo nullo l’attacco di una rappresentativa Rom che si renderá pericolosa, per gran parte della ripresa, soltanto con un tiro molto complicato da rinvio del portiere avversario. I giallorossi non smettono di proporre la propria idea di calcio, accelerando e trovando il goal del 2-0, sempre con Cabini che deposita in rete tutto solo. Pochi minuti dopo è Zerai ad inventarsi la terza rete. Sul cambio gioco del capitano, il giovane esterno è bravissimo nel controllare la sfera con il mancino, battendo a rete con il piede opposto verso il primo palo, caballa rimane di sasso e il punteggio si fissa sul 3-0. La rappresentativa Rom, fatica a creare occasioni, soltanto un grande tiro dalla distanza di Dan fa registrare il goal della bandiera, che comunque non spegnerá l’entusiasmo della squadra ospite che chiuderá la partita in crescendo (1-5).

Il migliore è in campo è Cabini, un autentico bomber, dribbling, goal e assist. Una prestazione con la “P” maiuscola. Forse il premio andrebbe diviso con Asafa, trequartista di grande classe che potrá dire la sua in questo torneo.


Fanner Reporter