MundialidoMundialido 2019
(Maschile)
Calcio a 11

Mundialido 2019

Archivio news 04/07/2019

TUTTO PRONTO PER LA FINALISSIMA

Appuntamento da non perdere la cerimonia di chiusura del Mundialido 2019

A contendersi il trofeo al centro Longarina domani alle ore 19.30 saranno i gialloblu e i verdeoro che hanno sconfitto rispettivamente il Perù per 5-1 e il Marocco per 1-0. Sarà una partita non inedita in questa stagione, visto che le due squadre si sono già affrontate nel girone eliminatorio con vittoria dell'Ucraina per 3-1. A dire il vero ben tre delle quattro semifinaliste provengono dal gruppo B. Sarà una bella rivincita, una partita aperta. L'Ucraina è cresciuta molto durante il torneo sia nella manovra, sia nella consapevolezza, squadra quadrata che segna e prende pochi gol. Il Brasile, dopo una prima parte in cui ha stentato, ha trovato gli uomini chiave e un buon assetto, prendendo coscienza e fiducia.
 
Sarà una bella partita in campo, ma anche una grande festa di sport e non solo fuori. L'atto conclusivo del Mundialido 2019 si preannuncia spettacolare e ricco di novità. Infatti si partirà alle ore 17.30 quando al centro Longarina in un'amichevole tutta particolare si sfideranno l'Assocentauricalcio, appartenenti alla Polizia di Stato, e la nazionale italiana sosia. Una bella sfida intrecciata. Alle ore 18.30 “scenderà” in campo la banda musicale di Roma Capitale che suonerà vari brani. Alle ore 19.00 invece ci sarà l'Atterraggio della Pattuglia Acrobatica della Lazio Paracadutismo, quindi tutti con il naso all'insù a vedere il lancio dei paracadutisti. Ma non è finita perchè la banda alle ore 19.20 accompagnerà le due squadre in campo, Ucraina e Brasile, con quest'ultimo che ha vinto nel 2002. Gli ucraini hanno, invece, conquistato l'edizione del 2015, in tribuna avranno un tifoso in più come l'ambasciatore Yevhen Perelygin, che ha confermato la presenza la sera stessa della semifinale. 
 
Il pensiero del patron del Club Italia e ideatore del Mundialido, Eugenio Marchina: “E' stata una gran bella edizione con molte squadre nuove e altre che ormai fanno parte in pianta stabile della nostra manifestazione, molte si sono rinforzate rispetto agli anni passati, questo vuol dire che sta crescendo il livello tecnico e l'attenzione. Sarà una gran bella finale tra due squadre che offrono un calcio propositivo e allo stesso tempo sono ben organizzate. Oltre alla parte giocata mi piace sempre sottolineare l'integrazione, l'aspetto sociale e di grande unione che c'è dietro questo evento, sono ideali che muovono da 21 anni il Mundialido. Grazie a chi ci segue passo passo, mi riferisco alle istituzioni, agli sponsor e alle varie associazioni. Sono pienamente soddisfatto, cerchiamo ogni anno di offrire qualcosa di diverso, come la serata finale che sarà una grande festa per tutti”.