Mundialido 2018
Calcio a 11 - Maschile

2^ GIORNATA GIRONE B - SENEGAL VS LIBYA

31/05/2018

Hightlights e cronaca della partita

A seguito del convincente 6-0 inflitto al Paraguay nella gara d’esordio, i campioni in carica del Senegal sono attesi da una Libya reduce dalla sconfitta incassata contro l’Ucraina. Per la squadra ospite si tratta di un dentro-fuori, in quanto un altro insuccesso coinciderebbe con la matematica eliminazione dalla competizione.
 
ALL’ULTIMO PALLONE – Nonostante la temperatura, fin dall’inizio le due formazioni non si risparmiano e mettono sul piatto una fisicità che poche altre squadre possono vantare. I senegalesi si presentano con Boye prima punta ed un 10 come Seck ad agire alle sue spalle. Maiga e Mendy le due frecce sugli esterni, Cheick e Dame i due metronomi di centrocampo. La Libya si affida invece all’estro di Abu Kheit ed alla fisicità di Raiani nel primo tempo, all’estro di Semati nella ripresa. Il Senegal trova le giuste linee di passaggio a centrocampo e prende in velocità la difesa avversaria con lanci profondi, come quelli che propiziano il gol di Boye e l’azione del rigore poi trasformato da Maiga. La difesa dei padroni di casa non concede nulla e gioca d’anticipo, mentre gli ospiti battagliano ad armi pari nonostante la disparità fisica, facendosi rispettare sotto il profilo tecnico-tattico.
 
NON BASTA IL CORAGGIO – La gara assume un indirizzo ben preciso quando il Senegal si porta sul 3-0 grazie ad un’incursione di Mendy, lesto ad attaccare lo spazio alle spalle dei due centrali e ad insaccare con freddezza davanti a Berardi. Quando la stanchezza si fa sentire, esce l’orgoglio di una Libya che chiude nella propria metà campo un Senegal che fa fatica a palleggiare. È questo l’unico difetto evidenziato da una squadra che torna perfetta in occasione del quarto gol, realizzato dal solito Mendy, dopo aver smarcato anche Berardi. Con la conquista di questi tre punti, il Senegal vola in vetta alla classifica e raggiunge l’Ucraina, che nel pomeriggio si è imposta con un 3-2 ai danni del Paraguay. Per la Libya si tratta di una sconfitta che costa l’eliminazione, ma rimane la buona prestazione e la speranza di poter chiudere in bellezza in quella che sarà l’ultima partita del torneo.
 
Fanner Reporter